• Se vi state chiedendo quale sia questa pianta dal nome insolito, sappiate che in Italia e in Francia, nell’uso popolare, è ben conosciuta come piscialetto. Il tarassaco (Taraxacum officinalis) è conosciuto anche come cicoria spontanea, soffione o dente di leone. …
    Continua a leggere

  • Uno dei giochi popolari di derivazione più antica, ampiamente diffuso anche in Sicilia, è quello della trottola. Così antico che è difficile stabilirne l’origine, dato che sono state rinvenute delle trottole perfino negli scavi di Ur in Mesopotamia. Sono state …
    Continua a leggere

 

Le zeppole di S.Martino

“Per San Martino ogni mosto diventa vino”

Zeppole di San Martino
Dalle antiche feste romane per il vino nuovo discende la moderna e popolarissima festa di San Martino, che cade l’11 novembre.
In questo giorno è tradizione riunirsi per bere il vino “vecchio” e far posto nelle botti alla nuova annata, e per mangiare insieme le zzippuli, ovvero le crespelle (o zeppole) tipiche della giornata di San Martino e del Natale.

Come preparare le zeppole:

Ingredienti

500gr di farina di grano duro

1/2 cubetto di lievito di birra

Acqua quanto basta

1 pizzico di sale

Le zeppole sono preparate con farina di grano duro, lievitata un paio di ore e poi muddiata.
In un contenitore capiente versare un po’ di farina, un pizzico di sale, unite il lievito di birra dopo averlo sciolto in poca acqua tiepida. Impastando aggiungete, poco alla volta, la farina con acqua tiepida, e lavorate l’impasto fino a quando morbido.
Lasciate lievitare per almeno 2 ore, coprendo il contenitore con un canovaccio.
Nel frattempo sistemate sul fuoco una pentola alta contenente abbondante olio per friggere.
Dopo la lievitazione raccogliete un po’ di impasto con un cucchiaio e aiutandovi con un dito fatelo scivolare nell’olio.
Non appena risulteranno dorate tiratele fuori e passatele sulla carta assorbente.
Per condirle si utilizza miele sciolto o zucchero semolato e cannella.

Sono tante le varianti delle zeppole nel siracusano, ad esempio alcuni le farciscono durante la manipolazione della pasta, con ricotta dolce (amalgamata con lo zucchero) oppure con striscette di acciughe, per renderle salate!

Festa del 4 novembre, Giornata dell’Unità Nazionale

Il 4 novembre si celebra il Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate.
Questa giornata è stata dichiarata festa nazionale in ricordo del 4 novembre 1918, giorno in cui terminava la prima guerra mondiale e si concludeva quella che allora venne definita la “Grande Guerra”, completandosi il processo di unificazione nazionale.

Vi presentiamo il programma della festa del 4 Novembre che si svolgerà nel centro di Melilli.

Scarica il programma in formato PDF