• Le more sono il gustoso frutto dei tanti rovi che costeggiano le nostre strade siciliane. Il rovo (Rubus ulmifolius) appartiene alla famiglia delle Rosaceae ed è una pianta spinosa che cresce spontaneamente nelle nostre campagne, potete vederlo spuntare dai muretti …
    Continua a leggere

  • I pani e dolci della Pasqua, carichi di significati ormai dimenticati, sono sono il risultato di complesse sedimentazioni culturali […] si caricano di forti connotazioni sociali, in quanto veicoli di rapporti solidaristici e di reciproca affettività. Per Pasqua la nuora …
    Continua a leggere

 

Il progetto della Rizzo di Melilli vince il Premio Italiano SERR

Prestigioso riconoscimento per il progetto “Mangio consapevolmente e senza sprechi” svolto dal 1° Istituto Comprensivo della cittadina Iblea in collaborazione con l’UNESCO e vari stakeholder del territorio.

Si è tenuta sabato 6 giugno a Expo Milano, la cerimonia di premiazione della sesta edizione della Settimana Europea per la riduzione dei Rifiuti svolta in tutta Europa dal 22 al 30 novembre e che ha visto in Italia 5643 azioni realizzate, di esse il 90%  si sono concentrate alla lotta allo spreco alimentare che è stato il tema centrale dell’edizione Serr 2014. L’appuntamento ha avuto inizio alle 13,00 presso il Parco biodiversità con l’evento “Primo non sprecare”, pranzo “sostenibile” realizzato utilizzando cibo di recupero dagli “sprechi” messi a disposizione dagli sponsor dell’iniziativa e da alimenti  a km zero.

premio-rizza

In seguito si è tenuta la premiazione delle sei migliori azioni  SERR italiane: pubbliche amministrazione/enti locali, imprese, associazioni, scuole, altre; alternate ad un evento di showcooking durante il quale alcuni testimonial, coordinati dallo chef Nicola Salvini, si sono alternati nella preparazione di piatti vegani a base di mandorla e farro che hanno dimostrato come si può preparare una ottima, salutare e gustosa maionese, e del pane di farro con la presenza di frutta secca (es. scarto rimasto dopo la preparazione del latte di mandorla).
Il vincitore italiano della Serr 2014 sezione scuola è stato il progetto “Mangio consapevolmente e senza sprechi” realizzato a Melilli dalla scuola secondaria di primo grado “Rizzo”.
A ritirare il premio è stata una delegazione composta da alunni, docenti e stakeholder del territorio: Concetta Fazzino, Angela Drago, Miriana Salemi, Noemi La Porta, Giuliana Bartolotta, Cristiana Giampapa, Sebastiano La Ganga, Marco La Rosa accompagnati dalle docenti Vincenza Mangano e Nella Tranchina ideatrice e coordinatrice del progetto, Giuseppe Calascibetta docente di cucina dell’istituto Alberghiero “Svevia” di Siracusa, Salvo Midolo assessore alla Pubblica Istruzione, Enrica Arena di Orange Fiber.

La giuria che ha designato i vincitori è stata composta dal comitato promotore nazionale composto da Ministero dell’Ambiente, Federambiente, Città Metropolitana di Torino, Città Metropolitana di Roma, UNESCO, Legambiente, ANCI, AICA,  E.R.I.C.A. Soc. Coop., Eco dalle Città; a premiare i vincitori sono stati gli sponsor che hanno supportato e reso possibile la realizzazione della sesta edizione, che rispettivamente per le sei categorie sono: per le pubbliche amministrazione/enti locali CIAL, per le imprese Comieco, per le associazioni RICREA, per le scuole COREVE, per i cittadini COREPLA,  per le altre azioni Rilegno.

Grande gioia e soddisfazione è stata espressa dagli alunni e da Nella Tranchina la quale ha affermato che  la presenza dell’assessore alla pubblica Istruzione è la testimonianza dell’interesse dell’ente locale per le nuove generazioni e che il successo delle azioni realizzate attraverso il progetto è dovuto all’ampia rete di collaborazioni  attivata per la sua realizzazione; ha tenuto a ringraziare Igm Group e Cipa che hanno sponsorizzato il viaggio sia di Budapest che Milano. Infine, ha messo in risalto L’importanza e la forza della cassa di risonanza delle attività progettuali nelle famiglie che certamente spronerà i cittadini di Melilli all’attuazione di corretti stili di vita per ottenere ottimi risultati nella riduzione dei rifiuti.
Infine la Dirigente scolastica Angela Fontana ha tenuto a precisare che il successo ottenuto sia a Budapest che a Milano è la testimonianza del buon lavoro svolto dalla scuola nell’attuazione del Piano dell’Offerta Formativa che non tiene conto solo dei “saperi” teorici ma mette in atto azioni di cittadinanza attiva per la completa formazione del discente.

Melilli celebra il 150° anniversario della nascita di G. E. Rizzo

Ieri, giorno 30 maggio 2015, a Melilli si è tenuta la celebrazione per l’anniversario del suo illustre cittadino Giulio Emanuele Rizzo, importante studioso dell’arte e della cultura classica.
Nacque a Melilli il 28 maggio 1865, dimostrò già da ragazzo di aver un’intelligenza fuori dal comune diplomandosi a 16 anni e laureandosi a Catania in Giurisprudenza e a Palermo in Lettere antiche.
Dopo la laurea insegnò in alcuni licei siciliani, contemporaneamente alle sue ricerche archeologiche, ad esempio quella che portò avanti collaborando agli scavi di Megara Iblea insieme all’ingegnere F.F. Cavallari e all’archeologo Paolo Orsi.

Archeologo italiano (Melilli 1865 – Roma 1950); ispettore al Museo di Napoli, quindi agli scavi del Foro e Palatino e poi al Museo nazionale romano; prof. all’univ. di Torino, poi di Napoli e di Roma; socio nazionale dei Lincei (1923). Scrisse una monografia su Prassitele (1932); nel campo della pittura, oltre a un volume su quella ellenistico-romana (1930) e al saggio sul fregio della villa dei Misteri, diresse un Corpus delle pitture scoperte in Italia; all’architettura dedicò fra l’altro la monografia sul teatro di Siracusa (1923); sulla numismatica concentrò l’interesse dei suoi ultimi anni di intenso lavoro, concretato nell’opera monumentale sulle monete greche della Sicilia (1946).
Rizzo, Giulio Emanuele – Enciclopedia Treccani

Giulio Emanuele Rizzo archeologo

Durante il periodo in cui fu Ispettore del Museo di Napoli continuò a coltivare la sua passione per l’archeologia, ottenendo anche l’incarico di Ispettore degli scavi dell’Ara Pacis a Roma. Dal 1903 al 1906 fu Direttore del Museo Nazionale Romano e delle Terme Diocleziane, pubblicando diversi saggi e trattati. Fu anche incaricato dal Ministero della Pubblica Istruzione di seguire la missione archeologica dell’università di Heidelberg in Grecia e Asia Minore.

Nel 1907 vinse la cattedra di Archeologia dell’Università di Torino, in seguito la Cattedra di Archeologia dell’Università di Napoli e nel 1925 la Cattedra di Archeologia e di Storia dell’Arte Antica presso la Regia Università di Roma.
Molteplici furono i ruoli di grandissimo rilievo che Giulio Emanuele Rizzo ricoprì durante la sua vita, i suoi interessi spaziavano dall’archeologia, alla numismatica, alla filologia, fu archeologo, scrittore e storico dell’arte, una personalità geniale con lo spirito d’esploratore, che gli permise di ottenere grandi riconoscimenti anche a livello internazionale.

Ieri Melilli ha onorato la memoria del suo illustre cittadino organizzando un interessante convegno dove sono intervenuti la Dott.ssa Beatrice Basile, Soprintendente di Siracusa, il Prof. Stéphane Bourdin dell’Ecole Francaise de Rome, il Dott. Giuseppe Calvo del Consorzio Universitario Archimede, la Dott.ssa Concetta Ciurcina del Museo Archeologico P.Orsi di Siracusa, la Dott.ssa Lucilla De Lachenal del Ministero dei Beni culturali e Ambientali, il Prof. Massimo Frasca dell’Università di Catania, il Prof. Dr. Thomas Frohlich dell’Istituto Archeologico Tedesco, il Prof. Filippo Giudice dell’Università di Catania, la Dott.ssa Gioconda Lamagna del Museo Archeologico P.Orsi di Siracusa, il Prof. Giancarlo Magnano Di San Lio dell’Università di Catania, il Prof. Paola Pelagatti dell’Accademia dei Lincei, il Prof. Giacomo Pignataro, Magnifico Rettore dell’Università di Catania, la Dott.ssa Nella Viglianti dell’Istituto Scolastico “G. Ugdulena” di Termini Imerese, il Dott. Giuseppe Voza della Soprintendenza Siracusa.
La Dott.ssa Natalina Castro ha curato la segreteria organizzativa, e la celebrazione è stata presieduta dal Prof. Pino Valenti, scenografo e regista, pronipote ex sorore di G.E.Rizza.

Visualizza la gallery dell’evento

 Fotografie di Nino Privitera